Image is not available
previous arrow
next arrow
Slider

Consiglio Direttivo 8 marzo 2005

Il Consiglio Direttivo, con deliberazione n. 42 dell'8 marzo 2005 ha stabilito la procedura per la cancellazione dagli Albi di Iscritti morosi nel pagamento di quote ordinistiche.

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO N. 42 DELL' 8 MARZO 2005

Oggetto: Procedura per la cancellazione dagli Albi di Iscritti morosi nel pagamento di quote ordinistiche.

Il Tesoriere dott.ssa Antonella Agnello sottopone al Consiglio Direttivo la problematica relativa alla cancellazione dagli Albi dell'Ordine degli iscritti morosi nel pagamento delle quote ordinistiche in attuazione della normativa contenuta negli art. 11 DLCPS 233/46 e art. 11 DPR 221/1950.

Al riguardo riferisce quanto segue.

Com'è noto l'art. 11 del DLCPS 233/1946 dispone la cancellazione d'ufficio "in caso di morosità nel pagamento dei contributi previsti dal presente decreto" e precisa che in questo caso la cancellazione "non può essere pronunciata se non dopo sentito l'interessato".

In relazione a tale disposizione l'art. 11 del DPR 221/1950 prescrive: "Qualora, ai sensi del citato art. 11 per la cancellazione deve essere sentito l'interessato, il presidente gli notifica la data fissata per l'audizione , specificando il provvedimento che si intende adottare ed i motivi di esso, e avvertendolo che ove non si presenti si procederà alla cancellazione dall'Albo in sua assenza".

Si premette che la riscossione dei contributi costituenti la quota annuale ordinistica dovuta da ciascun iscritto, avviene attraverso le procedure fissate dalla apposita convenzione sottoscritta con la Gest Line s.p.a. e che prevede una prima fase per la riscossione mediante lo strumento dell'avviso bonario ed una successiva fase con l'iscrizione a ruolo che, in caso di mancato pagamento si conclude con la procedura di riscossione coattiva.

La prima fase si apre con l'invio per posta da parte della Gest Line agli iscritti di un avviso di pagamento da effettuarsi entro il 28 febbraio. Trascorsa tale data l'Ordine chiede alla Concessionaria l'elenco degli impagati, che perviene dopo metà aprile. Quest'anno, per le quote ordinistiche 2004 l'elenco comprendeva circa 350 nominativi di non paganti sui 6281 destinatari dell'avviso bonario. A questo punto l'Ordine fa pervenire ai titolari delle quote insolute un primo sollecito per posta prioritaria che nel giro di un paio di mesi sortisce l'effetto di ridurre consistentemente il numero degli impagati (quest'anno ridotti al numero di 61 sempre per le quote ordinistiche 2004) come documentato dal secondo elenco richiesto dall'Ordine alla Gest Line per poter proseguire nella procedura. A questi residui debitori viene inviato un secondo sollecito. Praticamente, giunti al mese di ottobre dell'anno di competenza rimangono poche decine di iscritti che non hanno pagato la quota (quest'anno una quarantina). Nei confronti di costoro l'Ordine, a norma della Convenzione procede alla formazione del ruolo incaricando la Gest Line delle attività di riscossione fornendo la minuta che sarà consegnata al Consorzio Nazionale dei Concessionari (CNC). Compilato il ruolo, sarà notificata a ciascuno degli impagati la cartella di pagamento con termine di sessanta giorni per pagare.

Conosciuta la situazione di morosità l'Ordine invita l'iscritto moroso a pagare, sollecitandolo prima con lettera per posta prioritaria e poi con lettera per posta raccomandata

Se a questo punto l'iscritto non ha ancora pagato, constatata, pertanto la sussistenza della morosità, il Presidente lo invita, con lettera raccomandata a.r. , a presentarsi per l'audizione prevista dalla normativa contenuta negli art. 11 DLCPS 233/46 e art. 11 DPR 221/1950, avvertendolo che è in atto il procedimento di cancellazione dall'Albo.

Una volta che il Presidente abbia proceduto all'audizione, la pratica viene portata al Consiglio Direttivo per la cancellazione se, prima della seduta, l'iscritto non provi di aver pagato

Qualora l'iscritto non si presenti all'audizione, pur avendo ricevuto la raccomandata come risulta dall'avviso di ricevimento restituito all'Ordine, la pratica viene portata in Consiglio per la cancellazione.

Qualora per qualsiasi motivo la raccomandata non pervenga a mani del destinatario, si provvederà a ripetere la convocazione notificandola a mezzo messo comunale o ufficiale giudiziario

Premesso quanto sopra, la dott.ssa Agnello propone di formalizzare come segue la procedura relativa da inserire nel Manuale delle Procedure dell'Ordine.

Nei confronti degli iscritti morosi che hanno ricevuto solo l'invito bonario

- Primo sollecito con posta prioritaria

- Secondo sollecito per posta raccomandata

- Inclusione nell'elenco che si invia al CNC per l'emissione della cartella esattoriale

Nei confronti degli iscritti morosi con cartella esattoriale

- Trascorsi quattro mesi dall'invio al CNC (termine entro il quale si ritiene ampiamente soddisfatto l'adempimento della notifica della cartella ed il decorso del relativo termine per pagare) : primo sollecito per posta prioritaria

- Secondo sollecito per posta raccomandata

- Convocazione del Presidente a sensi art. 11 DLCPS 233/46 e art. 11 DPR 221/50 per posta raccomandata a.r.

- Ripetizione della convocazione con notifica a mezzo messo comunale o ufficiale giudiziario

- Anche nel caso che l'iscritto non si presenti alla convocazione, il Consiglio Direttivo decide la cancellazione dall'Albo.

IL CONSIGLIO DIRETTIVO

Sentita la relazione del Tesoriere;

vista la normativa citata in premessa;

con votazione unanime

DELIBERA

di prendere atto della relazione del Tesoriere dott.ssa Agnello e di approvarne formalmente la proposta nel testo riportato in premessa, disponendo che la procedura per la cancellazione dagli Albi dell'Ordine di Iscritti morosi nel pagamento di quote ordinistiche venga inserita nel Manuale delle procedure dell'Ordine.

IL PRESIDENTE (Dott. Maurizio Benato)

IL CONSIGLIERE SEGRETARIO (Dott. Riccardo De Gobbi)