Ts   MEF

Vai alla Comunicazione n. 8 - Proroga all'8 febbraio per l'invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria

L’obbligo di comunicare i dati delle spese sanitarie è stato introdotto a partire dall’anno d’imposta 2015 per permettere all’Agenzia delle entrate di elaborare le dichiarazioni dei redditi precompilate (730 e Unico PF).
Per tutti i medici che per la prima volta devono adempiere a tale obbligo, il Sistema TS ha reso disponibile sul proprio sito internet il link per la registrazione al portale e la richiesta delle credenziali del sistema TS, una volta fatto l’accreditamento i dati possono essere inviati.
Analogamente a quanto previsto l’anno scorso, il soggetto potrà procedere autonomamente all’invio dei dati oppure potrà delegare ad un soggetto terzo abilitato come intermediario fiscale.
Sia per i nuovi soggetti che per coloro che hanno già provveduto all’invio dei dati per il periodo d’imposta precedente, si ricorda che per quest’anno la scadenza è il 31/01/2018.
L’adempimento riguarda i dati dei documenti di spesa rilevanti per la detrazione delle spese sanitarie del contribuente, nello specifico vanno inviate tutte le fatture relative a prestazioni sanitarie rilasciate a persone fisiche.
Si ricorda che ciascun soggetto che sostiene la spesa può opporsi a rendere disponibili all’Agenzia delle Entrate i dati delle spese sanitarie relative all’anno precedente.
Sul piano sanzionatorio si ricorda che in caso di omessa, tardiva o errata trasmissione telematica dei dati, si è sottoposti ad una sanzione pari a 100 euro per ogni comunicazione con un massimo di 50.000 euro. La sanzione viene meno se l’invio corretto dei dati avviene entro i 5 giorni successivi alla scadenza; se la comunicazione è correttamente trasmessa entro 60 giorni dalla scadenza, la sanzione è ridotta a un terzo, con un massimo di € 20.000.

                                                                                                                                                                         Dott.ssa Cristina Rigato